header Prima pagina

SEDI OPERATIVE


Pensieri di don Piero
Mi sento "STRUMENTO"

E proprio vero: adtendere amantis est Leggi »»

Streaming
 

Il Papa invita la Chiesa a essere «locanda del buon Samaritano»
11 febbraio 2020- XXVIII Giornata mondiale del malato
La parabola del buon samaritano è per Mamré un lascito spirituale importante del fondatore, don Pierino Ferrari. Il Papa ci invita quest'anno a essere sempre più e sempre meglio "la locanda" del buon Samaritano che è Cristo, cioè la casa dove potete trovare la sua grazia che si esprime nella familiarità, nell’accoglienza, nel sollievo".

Fotografia
©

Il Papa invita anche ad accorgerci di chi vive accanto a noi la solitudine della malattia. Don Angelelli (CEI) così commenta: "Spetta a noi tutti bussare alla porta di chi ci vive accanto e sperimenta una forma di dolore. Oggi c’è bisogno di una cura dell’altro che esprima il comandamento dell’amore".

Rivolgendosi agli operatori sanitari il Papa ribadisce la sacralità della vita: "il vostro agire sia costantemente proteso alla dignità e alla vita della persona, senza alcun cedimento ad atti di natura eutanasica, di suicidio assistito o soppressione della vita, nemmeno quando lo stato della malattia è irreversibile. Ricordiamo che la vita è sacra e appartiene a Dio, pertanto è inviolabile e indisponibile. La vita va accolta, tutelata, rispettata e servita dal suo nascere al suo morire».

Preghiera per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28)
Consolati da Cristo per essere noi stessi consolazione degli afflitti
11 febbraio 2020

Padre onnipotente, Signore del cielo e della terra,
tu hai rivelato ai piccoli i misteri del regno dei cieli.
Nella malattia e nella sofferenza
ci fai sperimentare la nostra vulnerabilità
di fragili creature:
donaci in abbondanza la tua benevolenza.
Figlio unigenito,
che ti sei addossato le sofferenze dell’uomo,
sostienici nella malattia e aiutaci a portare il tuo giogo,
imparando da te che sei mite e umile di cuore.
Spirito Santo, Consolatore perfetto, chiediamo di essere ristorati
nella stanchezza e oppressione,
perché possiamo diventare noi stessi strumenti del tuo amore che consola.
Donaci la forza per vivere, la fede per abbandonarci a te,
la sicura speranza dell’incontro per la vita senza fine.
Maria, Madre di Dio e Madre nostra,
accompagnaci alla fonte dell’acqua viva
che zampilla e ristora per l’eternità. Amen.

11 febbraio 2020   




Home § Torna su §