header Prima pagina

SEDI OPERATIVE


Pensieri di don Piero
Mi sento "STRUMENTO"

C’è tutto un lavoro da compiere e un continuo sforzo di purificazione per chi vuol perdere la sua vita per Gesù. Leggi »»

Streaming
 

Spiritualità in sintesi
La Comunità Mamré è un’associazione femminile di fedeli laici che, imitando Gesù e seguendo i consigli evangelici, vivono in piccole comunità, condividendo i propri beni e la vita in spirito di servizio, secondo l’originalità di ciascuna appartenente.

spiritualità


È stata fondata il 2 ottobre 1971 da don Pierino Ferrari, sotto la protezione degli angeli custodi, per rispondere a bisogni emergenti che non trovavano una tempestiva risposta da parte delle istituzioni esistenti.
«La spiritualità di Mamré ha una quadruplice dimensione: trinitaria, cristologica, mariana, ecclesiale. Lo specifico della spiritualità consiste nel vivere queste dimensioni da fedeli laici, consci che il Battesimo, con il suo triplice munus profetico, sacerdotale e regale», rafforzato dalla Cresima, dà la possibilità di far parte della Chiesa, al fine di «tendere alla piena maturità di Cristo», vivendo in specifico il servizio alla Carità.
La preghiera quotidiana, personale e comunitaria, unita ad una intensa vita spirituale, sono il nutrimento indispensabile a sostenere la perennità del dono e la continuità del servizio.
«Icona dell’Associazione è Abramo, che accoglie i tre misteriosi ospiti alle querce di Mamré, dov’era attendato con la moglie Sara.
L’accoglienza manifestata ai Tre, simbolo della Trinità, e la fede esercitata da Abramo con l’espressione: "C’è forse qualcosa di impossibile a Dio?" sono per l’Associazione stimolo all’accoglienza per la fecondità e all’esercizio di una fede granitica.
Il sacramento dell’amicizia, che costituisce il perenne dono di sé alla Chiesa, diventa per le Associate il sacro vincolo di reciproca comunione e di condivisione della propria vita, in conformità al carisma dell’Associazione.
Lo specifico dell’Associazione consiste nel rendere trasparente nel proprio quotidiano servizio ai fratelli, specie i più deboli, quanto disse Gesù: "Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri" (Gv 13,35).
Per il valore che ritengo abbia la parrocchia nell’esprimere la concreta presenza della Chiesa, desidero che l’Associazione sia considerata né più né meno, come gli altri fedeli laici, che si impegnano a vivere da discepoli del Signore».
Dalla Richiesta di approvazione dell’Associazione Comunità Mamré secondo i canoni 298-299-322 del Codice di Diritto Canonico.

20 febbraio 2012   




Home § Torna su §