header Prima pagina

SEDI OPERATIVE


Pensieri di don Piero
Mi sento "STRUMENTO"

Più si è interiormente ricchi, altrettanto si è in grado di rela-zionarsi con i propri simili. Leggi »»

Streaming
 

C.S.S. HEBRON
CSS HEBRON
via P. Riccardi, 14
25136 BRESCIA
tel e fax 030.2002320
e-mail: hebron@mamre.it


hebron


hebron


hebron


La C.S.S. Hebron ha sede in una casa, polifunzionale di proprietà del Comune di Brescia, sita in via P. Riccardi, 14 Brescia

Il Nome: HEBRON
Dentro questo sacro
Recinto
Vibra, per te
E per me,
sacra aura.
Il vento di Pentecoste
Ancora
Qui genera
Per noi, figli
E impegni sacri,
Sotto il dolcepeso
Insieme,
l’uno all’altro, vincolo
siamo, per nutrire e crescere,
liberare e volgere in meglio
le membra inibite e sacre
de’ nostri amici
(Don Piero)

A CHI SI RIVOLGE
La comunità accoglie persone di ambo i sesso per un numero massimo di 10 posti autorizzati di cui 9 accreditati.
Gli ospiti presentano disabilità intellettiva di grado medio-grave, disturbi comportamentali tali da rendere impossibile una completa autonomia di vita e per le quali non sia necessario il ricorso a una struttura maggiormente protetta.
Viene data priorità negli inserimenti alle persone residenti nel Comune di Brescia, pur essendo possibili inserimenti di persone residenti fuori dal comune.

CARATTERISTICHE
La C.S.S. Hebron si pone come una delle possibilità offerte dai servizi del territorio, nell’ottica di un lavoro di rete finalizzato a differenziare l’ambito di intervento delle CSS locali, per rispondere in maniera più precisa ai differenti bisogni emergenti nell’area della disabilità.
Il servizio attua interventi educativi a favore delle persone ospitate e di sostegno al loro nucleo famigliare.
Svolge funzioni sostitutive del nucleo famigliare quando questo è inesistente o impossibilitato ad assolvere adeguatamente al proprio compito.

FINALITA’
- dar vita ad un ambiente che nelle modalità organizzative ricalchi un clima affettivo e relazionale tipici di un normale nucleo familiare;
- dar luogo ad un contesto abitativo pienamente inserito nel territorio e aperto all’esterno;
- dar spazio ai singoli ospiti per il miglioramento della qualità della loro vita.
Un servizio che si pone all’interno di un progetto articolato e complesso, un servizio di ascolto, di lettura dei bisogni e di risposta a questi in una visione dinamica della quotidianità, dove interagiscono e concorrono servizi e istituzioni diverse;
un servizio che diventa ambiente di vita, in cui persone diverse sperimentano relazioni e legami di vicinanza e appartenenza ad un “qualcosa” che è di ciascuno e di tutti;
un servizio attento a promuovere il bisogno di appartenenza e a suscitare bisogni di cambiamento

ORGANIZZAZIONE
La Comunità socio sanitaria Hebron è aperta 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno.
L’organico del personale è costituito da:
- 3 educatori (2 a tempo pieno, 1 a 29 ore), di cui uno con funzioni di responsabile
- 2 OSS a tempo pieno.
La CSS assume la logica della formazione permanente, quale modalità per promuovere una miglior qualificazione del servizio. Una formazione permanente che ha l’obiettivo di identificare tematiche di approfondimento e di lavoro.
Come equipe riteniamo che all’interno della CSS attuare interventi educativi significa progettare “la quotidianità” di un gruppo di persone, a partire dalle specificità di ognuno ponendo attenzione alle attività quotidiane quali strumenti di educazione e di maturazione di ciascuno.
Il progettare, per noi, ha una molteplicità di significati:
- progettare la quotidianità consente di coinvolgere l’ospite disabile secondo le proprie possibilità, nella costruzione della sua storia personale;
- costruire, dare senso alla relazione, nel rispetto della diversità;
- creare spazi di crescita all’esterno del servizio, intessere relazioni di condivisione e di interscambio con la realtà del territorio, con le agenzie formative, con le organizzazioni del tempo libero, con un fuori che diventa risorsa, spazio da creare per crescere;
- pensare un intervento che sappia bilanciare l’esigenze di cambiamento con quella di stabilizzazione facendo riferimento ad una triade di bisogni: familiarità, impegno, svago.
Le azioni che muovono gli interventi educativi, rappresentano la capacità di stare dentro le cose e di connettere costantemente l’attività al quotidiano, la disponibilità ad un continuo e diretto rapporto con l’altro.
Ciò significa dare risalto alla relazione, fare attenzione ai bisogni perché siano oggetto di organizzazione e non solo accettati e soddisfatti in modo incondizionato.
La formazione permanente permette all’equipe di analizzare, contestualizzare e rendere operative tali dimensioni.
Nel funzionamento della CSS il volontariato assume un significativo ruolo di collaborazione e complementarietà.
L’attività del volontario garantisce:
- la centralità della persona in ogni suo intervento
- la sussidiarietà e la gratuità
- la disponibilità alla collaborazione secondo precise indicazione date dagli operatori del servizio
- la promozione della cultura della solidarietà
Ogni iniziativa di volontariato fa riferimento ad una organizzazione riconosciuta.
La CSS è convenzionata con l’ Associazione di volontariato “Amici di Raphaël”. I volontari sono convocati, in riunioni specifiche di carattere informativo e formativo, almeno una volta all’anno.


 Allegato [pdf]: Hebron


 Allegato [pdf]: Carta dei servizi 2019

29 settembre 2011   




Home § Torna su §